» News » Lazzaro, alzati e cammina

Pubblica amministrazione: Lazzaro, alzati e cammina

In uno dei tanti scontri che hanno caratterizzato la mia vita con la burocrazia nazionale  del Paese Italia , il mese scorso mi è giunta un’ingiunzione di pagamento dall’Agenzia delle Entrate –riscossione ex Equitalia , tristemente nota, per un’imposta di registro di una sentenza risultante non pagata mentre invece lo era stata regolarmente . Ovviamente un errore , uno dei tanti , che non è importante in sé ma degno di rilievo per i fatti successivi accaduti che di seguito racconto per l’ottenimento del dovuto sgravio . 
-in data 28/09/2021 mi sono recato all’Agenzia delle Entrate Roma 2 Aurelio dove un funzionario  che non si è identificato, non ha  fornito alcuna informazione all’avvenuto pagamento ma solo detto che se gli si fosse stata portata la ricevuta del pagamento avrebbe provveduto allo  sgravio ; 
- in data 19/10/21  mi sono quindi nuovamente recato alla detta Agenzia, costretto a parlare con un altro anonimo funzionario a cui ho portato la quietanza di pagamento .Mi è stato risposto che detto pagamento risultava essere stato effettuato in base ai dati risultanti dal computer  ma , a differenza del precedente funzionario che non aveva effettuato alcun controllo al computer, precisava che non poteva rilasciare  alcuna liberatoria . Questo perché l’annullamento spettava all’Agenzia delle Entrate -riscossioni ex Equitalia  , che aveva sbagliato nell’invio della cartella . 
- in data 26/10/21  sono quindi andato presso l’Agenzia delle Entrate-Riscossione (ex Equitalia) in via Cristoforo Colombo 271-Roma  , mostrando , sempre ad un anonimo funzionario che , al solito, non si qualificava,  l’avvenuto pagamento  , il quale però scaricava a sua volta sull’Agenzia delle Entrate la responsabilità dell’errore. 
In sostanza , risultando la pratica chiusa all’Agenzia delle Entrate  ed avendo detta Agenzia incaricato  l’ex Equitalia - Agenzia di- riscossione , di recuperare il suo credito, certamente dette incaricate avevano correttamente comunicato alla mandante Agenzia delle Entrate che tutto era stato pagato . Da ciò si deduce che qualche funzionario dell’Agenzia delle Entrate –riscossione ha fatto erroneamente partire la predetta cartella di riscossione creando confusione , disagio ed un costo al sottoscritto , senza poi fornire la benchè minima collaborazione alla soluzione del problema da loro creato. .
Sono conseguentemente stato costretto a difendermi inviando un’autotutela e una diffida ai responsabili del procedimento di comunicarmi la chiusura della pratica entro dieci giorni . In mancanza chiederò i danni civili e farò un esposto alla G. di F. chiedendo di indagare  su quanto accaduto e verificare eventuali reati  perseguibili penalmente dai responsabili del procedimento. Casi isolati del genere sono da sempre  la normalità nel nostro Paese. 
Io credo in Draghi ma in Italia ci sarebbe bisogno di qualcuno che avesse il potere di dire a Lazzaro: alzati e cammina.
 

Leggi tutto... Postato da root. (applausi: 43| Commenti: 0 | Utenti interessati: 85) Applaudi l'articolo


 

Spazi pubblicitari

Il presente sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti. Continuando la navigazione ne accetti l'utilizzo. Clicca qui per prendere visione dell'informativa.